ISTITUTO COMPRENSIVO N.11 - BOLOGNA



Luca Lupi (pianoforte)


Si è diplomato in Pianoforte a pieni voti al Conservatorio G.B. Pergolesi di Fermo sotto la guida del M° Fabrizio Viti. Contestualmente alla frequentazione dell’ambiente accademico, ha sviluppato un crescente interesse per vari aspetti della didattica strumentale e musicale, interesse che lo ha portato ad intraprendere percorsi di studio affini, conseguendo il Diploma Accademico di II livello in Didattica Strumentale. Lungi dal considerare la formazione accademica e teorica fine a se stessa,  ha da sempre affiancato ai suoi studi la pratica attiva dell’insegnamento presso l’Ass. Pro Musica di Fermo, con la quale vanta una collaborazione decennale. Attualmente docente di Pianoforte presso la Scuola Media Statale di Granarolo, continua a perfezionarsi nel proprio strumento sia sotto la guida del suo maestro storico sia partecipando ad eventi musicali tenuti da figure di spicco del panorama nazionale ed internazionale. Il suo insegnamento vuole superare il mero tecnicismo per tentare di penetrare i segreti e le ragioni della musica.


Giulia Mei (pianoforte )

Giulia Mei (nome d'arte di Giulia Catuogno) inizia a studiare canto e pianoforte all'età di nove anni, laureandosi in strumento al Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo, ora A. Scarlatti e iniziando la propria attività di insegnamento a partire dal 2012.  Nel frattempo comincia a scrivere le prime canzoni e ad esibirsi in diverse occasioni, dopo il debutto all’ Auditorium Rai di Palermo nel 2014. Nel 2015 la sua canzone “La Barca” vince il primo premio Mia Martini Nuove Proposte per l’Europa, nonché il premio della critica Bigazzi. Nel 2016, Giulia pubblica il suo primo ep “Pianopiano”; a partire da questo momento prende vita il “Pianopiano Tour” nell'Italia del Sud. A marzo dello stesso anno Giulia viene selezionata tra i 16 finalisti di Musicultura, dopo essersi aggiudicata il “Premio del pubblico” e a ottobre  partecipa alla famosa rassegna  “Il Tenco  ascolta”. Nel 2017 Giulia, oltre ad accedere per la seconda volta alle fasi finali di Musicultura, vince il Premio Alberto Cesa e prende parte al Premio dei Premi a Faenza, indetto dal Meeting Degli Indipendenti.Nel 2018 Giulia  vince il Premio Cora ed è nuovamente finalista di Musicultura nonché del Premio De Andrè e del Premio Lauzi, in occasione del quale si aggiudica due riconoscimenti. In agosto, apre il concerto di Roberto Vecchioni a Troina, Sicilia. Il 28 marzo 2019  esce “Diventeremo adulti”, il suo primo album, finalista alle Targhe Tenco 2019 nella categoria “Miglior album di esordiente”.



Antonio Ciaramella (chitarra)

Inizia a dedicarsi alla musica e alla chitarra durante gli anni del Liceo prendendo lezioni private e suonando da subito in diverse band, spaziando tra vari generi musicali, dal pop, al rock, al blues. Terminate le Scuole Superiori intraprende lo studio della Chitarra Classica presso il Conservatorio di Musica di Benevento, sotto la guida del Maestro Paolo Lambiase, diplomandosi nel 2012 con voto 9/10. Durante il periodo dedicato agli studi classici si avvicina anche al Jazz studiando, presso il Saint Louis College Of Music di Roma, Chitarra Jazz con il Maestro Dario Lapenna ed Arrangiamento e Composizione Jazz con il Maestro Antonio Solimene; partecipa inoltre a diversi Laboratori di Musica d’insieme organizzati dal St Louis. Terminato il Conservatorio a Benevento si trasferisce a Roma per continuare a dedicarsi quasi esclusivamente al Jazz. Nel 2018 consegue la Laurea di Secondo Livello in Jazz, con il massimo dei voti, presso il Conservatorio di Musica di Frosinone, studiando Chitarra Jazz e Tecniche d’improvvisazione con i Maestri Roberto Spadoni, Stefano Micarelli e Filiberto Palermini ed Arrangiamento e Composizione Jazz con il Maestro Marco Tiso. Ha partecipato a diverse Masterclass sia in ambito classico che jazzistico, con Kurt Rosenwinkel, Fabio Zeppetella. Dal 2013 si dedica anche all’attività dell’insegnamento sia nel settore pubblico che privato. Nel 2016 ha pubblicato il suo primo disco con il progetto Slow Nerve (rock sperimentale). Inoltre ha collaborato e collabora tuttora con artisti di altre forme d’arte quali pittura, danza e teatro per la realizzazione di rappresentazioni artistiche sperimentali. Dal 2017 vive a Bologna, ed è attualmente attivo in diversi progetti musicali che vanno dal Jazz al Rock sperimentale.



Marco Ielpo (chitarra)


Inizia gli studi di chitarra all’età di 8 anni e, finito il liceo, si iscrive al triennio di chitarra classica presso il Conservatorio di Potenza, per poi frequentare il biennio al conservatorio di Bologna. Già in adolescenza, avvia una discreta attività da concertista (solista e in formazioni di diverso tipo) e collabora con diversi musicisti. Ha all’attivo 3 album (due da solista e uno in duo) e nel 2016 si classifica al primo posto nel concorso M.A.F. - Musica a Fiorano, dedicato ai chitarristi acustici. Attualmente, parallelamente agli studi e all’attività da concertista, lavora come insegnante, compositore, session musician.



Stefano Valli (batteria)


Stefano Valli scopre la passione per la batteria alla tenera età di 3 anni, momento in cui gli viene regalato il primo rullante; a 5 comincia a prendere lezioni cambiando diversi docenti fino ad arrivare ad Ubaldo Rivi che segnerà la svolta musicale, accanto alla frequentazione di un triennio di percussioni al Conservatorio di Musica G.B. Martini.

Negli anni sono tanti i gruppi musicali nei quali Stefano milita, fra i quali quello con il giovane cantautore di Bologna Lorenzo Visci, collaborando, oltre che nel ruolo di batterista e percussionista anche nella produzione artistica. Numerosi i radio tour, in particolare per tre anni con Radio Bruno, gli “opening act”, il più rilevante con i Nomadi a Modena (29 Settembre 2011). Frequenti i turni di registrazione in studio e le partecipazioni live, collaborando con artisti come Andrea Otto Salvato, Federico Aicardi, Felice Del Gaudio, Filippo Zoffoli, Iskra Menarini, Lorenzo Visci, Ricky Portera, Roberto Ferri, Teo Ciavarella.



Mario Zapparoli (batteria)

Sono un batterista professionista dal 1986 ma gia' dal 1978 mi avvicino a questo strumento così affascinante e complesso. In quasi trent’anni di professione ho accumulato una serie di esperienze musicali molto variegate che mi hanno formato sul campo, specialmente in ambito live. Ho avuto il piacere di collaborare con nomi famosi nell'ambito della musica italiana che hanno contribuito a misurarmi sempre meglio in questa professione, sia nei concerti e Tour live, sia in studio di registrazione. Dal 1994 mi sono dedicato contemporaneamente all'insegnamento della Batteria cercando di trasmettere agli allievi oltre che una didattica necessaria e fondamentale, anche la passione per questo strumento bellissimo e ricco di tante sfumature tecniche e stilistiche. Inoltre cerco sempre di dare una visione a 360 gradi di quelli che sono i generi musicali in cui il batterista può cimentarsi proprio per dare il maggior numero di stimoli che facciano maturare l'allievo.



Alida Oliva (canto, flauto dolce e coordinamento)

Alida Oliva, cantante e flautista, ha studiato al conservatorio di Bologna  dove si è diplomata e laureata con il massimo dei voti e la lode. Ha arricchito la propria formazione artistica con lo studio della recitazione e recentemente con quello della Musicoterapia. Presente nei più importanti festival e rassegne di Europa, Stati Uniti e Canada, ha avuto occasione di perfezionare tecnica ed interpretazione anche grazie alla collaborazione con musicisti e registi di fama internazionale. Apprezzata e competente interprete della musica barocca , ha maturato esperienza di un repertorio molto ampio che spazia dalla musica medievale a quella contemporanea . Ha collaborato con Compagnie d’operetta, Enti lirici, Teatri d’opera barocca e Orchestre sinfoniche. L’intensa attività concertistica e discografica non la distolgono da quella di docente presso il Conservatorio di Bologna ed altre prestigiose istituzioni pubbliche e private italiane  presso le quali tiene oltre ai normali corsi di Canto, e Strumento, Workshop e Master specialistici. Attiva nel sociale lavora musicalmente con persone in disagio psicofisico ,segue e dirige vari  gruppi corali infantili e di adulti curandone, oltre alla direzione, anche la tecnica vocale.


Daniel Granada (flauto traverso)


Flautista colombiano diplomato a Cali con il massimo dei voti e una menzione d´eccellenza accademica ed artistica. Nella sua cittá, dove ha svolto anche attività solistica, ha collaborato con i principali gruppi sinfonici. In Italia ha studiato presso il Conservatorio "G.Nicolini" di Piacenza e il Conservatorio "Vecchi-Tonelli" di Modena, dove si è perfezionato coi più importanti Maestri italiani quali Michele Marasco ed Andrea Oliva. Successivamente ha svolto studi anche presso la “Hochschule fur musik und tanz” a Colonia col Maestro Robert Winn.


Daniel Granada vanta premi in numerosi concorsi nazionali ed internazionali solistici, flautistici e di musica da camera . Dal 2013 ha ottenuto riconoscimenti anche nell' ambito della musica folk col suo duo Amodeo-Granada, che si dedica alla contaminazione musicale rock e alla musica latinoamericana. Attualmente fa parte dell' Accademia del Maggio fiorentino musicale, ed é primo flauto dell´orchestra dell' Accademia dell´Opera di Bologna. Fa inoltre parte del duo Amodeo-Granada (flauto-chitarra) e del duo Granada-Vianello (flauto-pianoforte)